Un nuovo sistema diagnostico per l’Alzheimer – Scientificast #172

Andrea e Paolo conducono la puntata 172 di Scientificast.

Dopo aver risposto alla domanda di un ascoltatore in merito all’estrazione petrolifera (speriamo in maniera accettabile, anche se si potrebbe parlare in maniera più approfondita di estrazione e subsidenza che è un fenomeno comunque interessante ma non abbiamo molte competenze per farlo) ci spostiamo in ambito medico.

Giuliana intervista il Prof. Roberto Bellotti e Marianna La Rocca, tra gli autori di un importante lavoro per la diagnosi precoce della malattia di Alzheimer con analisi non invasive e con tecniche di imaging legate all’utilizzo di una intelligenza artificiale.

Con Andrea in studio discutiamo infine dei potenziali effetti dell’esplosione di un test nucleare in superficie o nell’oceano. I test superficiali sono stati messi al bando 50 anni fa e per ottimi validi motivi.

Se vi piace questo podcast, ricordatevi che produrlo e renderlo disponibile gratuitamente ogni lunedì ha un costo. Potete supportarci tramite la nostra pagina Patreon con una donazione mensile, oppure iscrivendovi a Scientificast APS per 10 euro all’anno o ancora con una libera donazione PayPal a “associazione@scientificast.it”.

Su Spreaker trovi tutte le nostre puntate e i capitoli per un ascolto migliore.

Ascolta “Un nuovo sistema diagnostico per l'Alzheimer – Scientificast #172” su Spreaker.

Immagine di copertina: Shutterstock
In studio: Paolo Bianchi, Andrea Bersani
Montaggio: Paolo Bianchi
Servizi di: Giuliana Galati
Ospiti: Roberto Bellotti, Marianna La Rocca
Musiche di: Lucio Disarò, Daniele detto “Giuliano Ferrara”.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Author: Paolo Bianchi

Classe 1983. Laureato in chimica all’università di Pavia, lavora in ambito industriale chimico come account manager e project leader. Tra i primi podcaster italiani nel 2006, ha fondato il podcast Scientificast ed è attuale presidente dell’associazione culturale omonima. Appassionato giocatore di ruolo e da tavolo e consumatore vorace di fantascienza.

Share This Post On