Disastri spaziali e successi interstellari – Scientificast #182

Spazio, ultima frontiera: questa è una storia di fallimenti e in parte di successi…
Lavorare con l’astronautica non è affatto semplice e spesso a determinare i fallimenti di missioni spaziali dal valore di milioni di dollari sono piccole disattenzioni che si rivelano infine talmente fondamentali da compromettere tutto il sistema.

Con Marco Casolino ripercorriamo alcuni dei più recenti fallimenti di lancio o messa in orbita di missioni spaziali a partire dal recentente fallimento del lancio del satellite russo Meteor-M.

Ma l’astronautica riserva anche molte sorprese positive! La NASA è riuscita a comunicare ancora una volta con Voyager-1 che ormai viaggia al limite del nostro sistema solare e in prossimità dello spazio interstellare. Un piccolo pacchetto di dati ed ecco che la sonda ha acceso i suoi propulsori dopo 30 anni di inattività per correggere l’orientamento della sua antenna verso il pianeta Terra. Incredibile!

PER APPROFONDIRE:
Sul failure dei russi, 2017:
http://www.russianspaceweb.com/meteor-m2-1.html#culprit

Failure del primo Ariane 5 con Cluster, 1996
http://www-users.math.umn.edu/~arnold/disasters/ariane.html
http://www-users.math.umn.edu/~arnold/disasters/ariane5rep.html

Mars Climate orbiter failure
https://en.wikipedia.org/wiki/Mars_Climate_Orbiter
https://www.wired.com/2010/11/1110mars-climate-observer-report/

Infine, qualche discussione sulla gravità che c’è ma non si vede (come dice un bell’articolo di Giorgio di qualche tempo fa) e qualche comunicazione sull’ormai prossima Nobel Night ligure; i biglietti sono gratuiti e disponibili su EventBrite: affrettatevi!

PER APPROFONDIRE:
La gravità c’è ma non si vede – Giorgio Garlaschelli
https://www.scientificast.it/2016/02/18/la-gravita-ce-ma-non-si-vede

Forma della Terra e campo gravitazionale terrestre – Marco Casolino
https://www.scientificast.it/2017/07/27/la-terra-non-e-sferica-la-forma-segreta-del-nostro-pianeta/

Andare in orbita e non con i paperi – Marco Casolino
https://www.scientificast.it/2014/07/24/paperi-fisica-perche-lanciamo-razzi-verticale-la-differenza-tra-lo-stare-orbita-nello-spazio-2/

Buon ascolto!
Se vi piace questo podcast, ricordatevi che produrlo e renderlo disponibile gratuitamente ogni lunedì ha un costo. Potete supportarci tramite la nostra pagina Patreon con una donazione mensile

Su Spreaker trovi tutte le nostre puntate e i capitoli per un ascolto migliore.

Ascolta “Disastri spaziali e successi interstellari – Scientificast #182” su Spreaker.

Immagine: Voyager 1, Shutterstock
In studio: Marco Casolino e Paolo Bianchi
Regia di: Paolo Bianchi
Servizi di: Andrea Bersani, Simone Angioni
Musiche di: Lucio Disarò, Daniele detto “Giuliano Ferrara”.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Author: Paolo Bianchi

Classe 1983. Laureato in chimica all’università di Pavia, lavora in ambito industriale chimico come account manager e project leader. Tra i primi podcaster italiani nel 2006, ha fondato il podcast Scientificast ed è attuale presidente dell’associazione culturale omonima. Appassionato giocatore di ruolo e da tavolo e consumatore vorace di fantascienza.

Share This Post On