L’infallibile oroscopo da Nobel di Scientificast per il 2018

Come tutti sanno, gli oroscopi sono infallibili: infallibilmente ci dicono qualcosa di abbastanza vago da essere difficilmente smentiti, qualcosa di sufficientemente positivo da darci qualche speranza per il futuro e qualcosa di ragionevolmente incerto da lasciare spazio per non sentirci direttamente in colpa se le cose non vanno per il verso giusto.

Pertanto, ispirandoci ad alcuni dei più creativi, siamo andati a cercare di indovinare anche noi cosa ci aspetta con l’anno nuovo. Però siamo Scientificast, non astrologi, quindi cerchiamo di dare un servizio in più. Anzi, due! Il primo è segnalare tra parentesi quando il Sole stazionerà nelle varie case dello Zodiaco: se non siete soddisfatti del vostro segno “tradizionale”, potete passare a quello “aggiornato”. A causa della precessione degli equinozi il transito apparente del Sole sulle varie costellazioni non è più quello “di una volta”, con l’Ariete, per esempio, protagonista dal 22 marzo al 21 aprile, ma tutto è spostato… in modo non banale. Il secondo importantissimo consiglio che vi daremo è cosa studiare in base al vostro segno zodiacale per massimizzare le vostre chance di ottenere un Nobel. Qualcuno si è infatti dilettato a studiare nel dettaglio le correlazioni tra Nobel e data di nascita, con risultati tutto sommato carini. Presumibilmente anche statisticamente irrilevanti, ma stiamo comunque parlando di oroscopi, non dovremmo stupircene.

Ma bando agli indugi, investighiamo il nostro futuro!

Ariete (dal 18 aprile al 13 maggio)
Anno di cambiamenti, ma d’altronde lo sono un po’ tutti. Diversi siti consigliano un po’ di tutto, coccolatevi, comprate delle sneakers rosa, spaccatevi di chili. Se vi sembrano consigli a casaccio, è perché probabilmente lo sono. Amici dell’Ariete, se volete dedicarvi alla scienza siete a posto: non eccellete in nessuna specialità, ma oscillate intorno al 9% in tutti i settori in cui viene assegnato il premio Nobel. La vostra perfetta normalità vi può portare un po’ ovunque, ma non meglio di nessun altro.

Toro (dal 13 maggio al 21 giugno)
Grande energia grazie, a seconda di dove andate a leggere, a Saturno, Urano, Giove, Plutone o anche il pusher che vi vende le amfetamine. Dovreste fare di tutto di più, nel 2018, quaindi niente scuse, se non combinate una mazza è colpa vostra. Le statistiche dicono che come Nobel siete un po’ peggio dell’Ariete in medicina e pace. Per il resto, ve la cavate discretamente: dedicatevi agli esplosivi (nucleari, chimici o editoriali) e lasciate perdere il bene della collettività, non fa per voi.

Gemelli (dal 21 giugno al 20 luglio)
Come per il Toro, dovreste darvi una svegliata, perché avreste delle potenzialità, ma i pianeti per voi prevedono un 2018 all’insegna del più stretto degli “sticazzi”. Se non altro, se non combinerete una ricca fava potrete dare la colpa agli astri. Fortunelli. Finalmente il segno che a Nobel se la cava meglio di tutti, soprattutto in medicina dove state al doppio di quello che dovrebbe venire pescando a caso. Complimenti, ma con l’anno dello stica 2018 difficilmente migliorerete la performance.

Cancro (dal 20 luglio al 10 agosto)
Anno intenso e senza noia, l’ANNO DELLA VERITÀ per voi amici del Cancro. Purtroppo la UAI non cambia ancora nome alla vostra costellazione, ma comuque qualcosa di grosso dovrebbe succedervi, e se non vi succede è solo sfiga. Perché gli astri non sbagliano, sia chiaro. Anche voi a Nobel per la medicina state messi così così, ma spaccate quando si tratta di letteratura. Purtroppo questo è l’oroscopo di scientificast, non di liceoclassicast, quindi questo non vi fa guadagnare tanti punti. Comunque ve’, potete vantare tra le vostre fila niente meno che Leopardi, quindi potete stare allegri. Oppure no, fate voi.

Leone (dal 10 agosto al 16 settembre)
Due siti su tre parlano di una Venere ammiccante che vi renderà l’anno pieno di soddisfazioni amorose, il terzo manco la cita e vi parla solo di lavoro. Probabilmente questo terzo vi detesta, oppure gli altri vi illudono: vedremo a dicembre chi aveva ragione. Le vostre performance a Stoccolma non sono particolarmente brillanti, a meno che si parli di letteratura ed economia, dove ve la cavate un po’ meglio della media. Amici del Leone, lasciate perdere le scienze dure e dedicatevi alla società, oppure fidatevi di Venere e pensate solo all’amore. L’importante è che lasciate perdere la medicina, dove siete davvero scarsini.

Vergine (dal 16 settembre al 30 ottobre)
Secondo gli astrologi, dovreste smettere di fare cose che vi fanno schifo e iniziare a dedicarvi a ciò che vi interessa maggiormente: questo vi renderà felici! È difficile stabilire se sia più stupefacente che vi sentirete meglio o che avete finora fatto solo cose che vi fanno cagare, ma tant’è dovreste andare a star bene. A Nobel ve la cavate bene un po’ in tutte le specialità, soprattutto in chimica dove staccate tutti. In letteratura, invece, siete indietro come un bradipo ai 100 metri piani. Evidentemente la nomenclatura IUPAC vi è più congeniale delle rime baciate, tenetene conto quando scrivete i vostri status su facebook.

Bilancia (dal 30 ottobre al 23 novembre)
L’esegesi delle fonti è complicata, si oscilla tra un inizio spumeggiante e una prima parte dell’anno in cui mettere impegno e dedizione, tra una Venere amichevole e nodi al pettine: sembra il meteo quando dice “può piovere se non nevica, ma può sempre uscire il sole”. Vedrete com’è guardando dalla finestra, che poi è quello che devono fare anche gli altri, in effetti. Per il prossimo Nobel, lasciate perdere l’economia, in cui non pare siate particolarmente portati e lanciatevi su pace e letteratura, dove invece staccate un risultato eccellente. Magari è proprio dalla confusione che vi viene questo talento a scrivere e pacificare. Oppure è un caso, come tutto il resto.

Scorpione (dal 23 al 30 novembre)
Anno pieno di soddisfazioni ma anche di casino, per colpa del bruffaldino Urano. Vi andrà tutto bene, oppure no, comunque se sì è merito di Saturno, se no di Urano, quindi potete stare sereni che siete in mezzo a due giganti che si prendono gioco di voi. A livello di Nobel, ve la cavate così così in tutto, meglio la medicina della chimica, in cui siete davvero un po’ scarsini, ma nessuno è perfetto. Comunque con la precessione degli equinozi state per sparire dallo zodiaco, quindi il problema si risolverà da solo.

Ofiuco (dal 29 novembre al 17 dicembre)
You don’t exist, go away (cit. UNIX)

Sagittario (dal 17 dicembre al 20 gennaio)
Se il 2017 è stato difficile, la colpa è di Saturno, che però per il 2018 si leva dalle scatole e le cose dovrebbero andare meglio, sempre che Nettuno non si metta di traverso. Insomma, mai na gioia. Ben che vada sarà un anno tranquillo. Probabilmente non molto per chi vi circonda, perché come distribuzione Nobel siete abbastanza in media su tutto, tranne per la pace dove siete decisamente carenti. Potete dare la colpa a Saturno anche per questo, ma siate sinceri, sapete che gli oroscopi sono tutte baggianate.

Capricorno (dal 20 gennaio al 16 febbraio)
Saturno frega tutti tranne voi, che ci andate d’accordo. Vedendo cosa combina agli altri, non so se sia motivo di vanto per voi. Comunque dovreste combinare buone cose, grazie al plumbeo pianeta, che con l’aiuto di Plutone (vai con l’allegria) dovrebbe aiutarvi a raggiungere i vostri obiettivi. A discapito degli altri, ma va be’. Sui Nobel siete il segno statisticamente più svantaggiato, d’altronde siete amici di Saturno, tranne che per la pace, dove spiccate rispetto a tutti gli altri. Non si spiega, se non con delle meravigliose quanto inspiegabili fluttuazioni statistiche, ma vent’anni dopo averle studiate la prima volta devo ancora riprendermi, quindi passerei oltre.

Acquario (dal 16 febbraio all’11 marzo)
L’oroscopo per voi è all’insegna dell’intimidazione mafiosa. Fate cose, ma state attenti. Guardatevi le spalle. Giove è alleato col nemico, Urano vi destabilizza, volete di più ma non sapete come ottenerlo. In caso di offerta che non potete rifiutare, non cercate ispirazioni nelle stelle, soprattutto se arriva da persone con gli occhiali da sole anche di notte. Nessuna categoria di nobel vi arride particolarmente, tranne la fisica, in cui non ve la cavate male. Dateci dentro in quella che, in fondo è l’unica scienza davvero interessante, perché adamantinamente inutile. Sublime.

Pesci (dall’11 marzo al 18 aprile)
Tutta gioia tutta bellezza, gli astri sono talla tua parte e pertanto qualunque fallimento sarà tutta e sola colpa tua. Mica come quelli dell’Acquario che devono sbattersi. Se le nostre INFALLIBILI FONTI sono attendibili, Gastone dovrebbe schiattare d’invidia per te, al punto di arrivare alla noia. Comunque vorrei annoiarmi io così. Lascia perdere la letteratura che non sei portato e dedicati a chimica e medicina, dove riesci un po’ meglio, anche se non eccelli particolarmente in nessuna disciplina da nobel. Comunque tranquillo, con Giove e Urano dalla tua parte quest’anno potresti anche fare l’en plein, a Stoccolma, ma il re che è del Toro potrebbe decidere che quest’annata così piena di fortuna te la invidia troppo e pungerti con la spilla del premio.

Per ulteriori approfondimenti, leggete pure un oroscopo a caso. Anche di un segno a caso.
Immagine di copertina: andriano.cz by Shutterstock

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Author: Andrea Bersani

Fisico delle particelle, tecnologo all’INFN un po’ per tutte le stagioni. È molto curioso, soprattutto di cose che non gli serviranno mai sul lavoro.

Share This Post On
  • mikronimo

    Fermi lì… apparte (cit.) che mi era preso un mezz’infarto (oroscopi? Scientificast? Mi si sono mischiati due siti, di cui uno neanche frequento…), ma Plutone è diventato Plutino, quindi ancora fa parte dei corpi celesti che ci influenzano (sad’dio come…)? E Cerere allora? Va bé… Da un ex Toro, novello Ariete (sempre cornuto sono), Auguri anche a voi!