In alta quota, su Marte e poi chissà… – Scientificast #203

Marco Casolino e Paolo Bianchi tornano al timone della puntata 203 di Scientificast: destinazione Marte!
In questa puntata si parla, e parecchio, di fisica e spazio.

Iniziamo con la recensione di Mars Horizon, storia a fumetti edita da BAO Publishing e scritta dalla divulgatrice scientifica Florence Porcel con il disegnatore Erwann Surcouf.
Il libro inaugura la collana Octopus dedicata a storie a fumetti a tema scientifico e racconta ai lettori gli sforzi che l’umanità sta affrontando alla conquista del pianeta Marte e come questi progressi potrebbero concretizzarsi.

Come possiamo sopportare l’atmosfera che ci sovrasta senza esserne schiacciati? Perché ad alta quota non riusciamo a sollevare carichi più grandi di quelli che riusciamo a sollevare a bassa quota? Paolo e Marco nell’intermezzo cercano di rispondere a queste e altre domande.

Spazio e volentieri: torna Marco Zambianchi di ISAA per i consueti aggiornamenti astronautici: dalla nomina del nuovo Presidente della NASA a tutto ciò che si muove o si muoverà attraverso il nostro sistema solare. Seguite AstronautiNews su http://www.astronautinews.it

Grazie a tutti gli ascoltatori che contribuiscono alle spese di produzione del nostro podcast mediante una donazione ricorrente su Patreon. Ve ne siamo molto grati!

In studio: Paolo Bianchi e Marco Casolino
Interventi esterni: Giuliana Galati, Silvia Kuna Ballero, Marco Zambianchi
Montaggio: Paolo Bianchi
Musiche di: Lucio Disarò, Daniele detto “Giuliano Ferrara”
Immagine copertina: Shutterstock

Ascolta “In alta quota, su Marte e poi chissà… – Scientificast #203” su Spreaker.

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Author: Paolo Bianchi

Classe 1983. Laureato in chimica all’università di Pavia, lavora in ambito industriale chimico come account manager e project leader. Tra i primi podcaster italiani nel 2006, ha fondato il podcast Scientificast ed è attuale presidente dell’associazione culturale omonima. Appassionato giocatore di ruolo e da tavolo e consumatore vorace di fantascienza.

Share This Post On