Dovevamo uscire alla vigilia e invece abbiamo deciso di invadere il vostro Natale. Ecco la puntata 235 di Scientificast podcast! Il menù è da fare invidia al polpettone della nonna.

Parleremo di 46P/Wirtanen, la cometa che quest’anno i più fortunati hanno potuto vedere nel cielo notturno. La storia di questa cometa merita approfondimento perché ricca di curiositò.
Riferimenti:
NASA – Pagina dedicata a 46P/Wirtanen
Pagina dell’ Università del Maryland

Con i nostri amici paleontologi continuiamo a parlare di paleodieta.
Questa seconda parte completa la prima approfondendo le metodologie usate attraverso esempi e si sofferma sul nuovo software creato da Flavia Strani insieme a un collega di Sapienza. Il software si chiama MicroweaR, ed è basato su R e come tale freeware e liberamente implementabile da qualsiasi utilizzatore. Esso permette di classificare in modo semi-automatico le varie tracce osservate in una data area presa in esame anche con settaggi personalizzati e rispondenti alle necessità dell’operatore. Le applicazioni non si fermano al campo paleontologico ma può essere usato in tutti i campi dove è richiesto studiare tracce microscopiche a partire da immagini 2D (archeologia, scienze forensi, paleoantropologia ecc…).
Riferimenti:
Descrizione approfondita nell’articolo.
Link di GitHub

La cometa di Natale era davvero una cometa? Pare proprio di no. Forse una supernova o comunque un evento celeste di altro tipo. Il nostro Marco Casolino ha approfondito la questione e ce la spiega nei dettagli.
Riferimenti:
DISF “La stella di Betlemme”
La distruzione di Sodoma
L’inondazione rpeistorica del Mar Nero – Wiki

 

In studio: Marco Casolino, Paolo Bianchi
Servizio: Saverio Bartolini
Montaggio: Paolo Bianchi
Immagine di copertina: Supernova via Shutterstock

SOCIALICON
RSS
Facebook
Facebook
Google+
Twitter
YouTube
Instagram
SOCIALICON