Quella che segue è la traduzione dell’articolo “A question of spin for the new boson”, di James Gillies, che potete leggere al link: http://home.web.cern.ch/about/updates/2013/03/question-spin-new-boson.

 

Durante la conferenza di Moriond del 6 Marzo, tenutasi a La Thuile, Italia, i fisici hanno annunciato che la nuova particella scoperta al CERN l’anno scorso sembra essere sempre più il bosone di Higgs. Ad ogni modo, altre analisi sono ancora richieste prima che possa essere annunciato definitivamente.
Il tassello mancante per l’identificazione della particella è un’analisi dettagliata delle sue proprietà e del modo in cui essa interagisce con le altre particelle. Dall’annuncio dello scorso Luglio, sono molti i dati analizzati e queste proprietà stanno incominciando a diventare più chiare.

La proprietà cardine che permetterà di dire se sia o meno la particella di Higgs è chiamata spin. Se questa particella ha spin-zero, allora è la particella di Higgs, altrimenti sarà qualcos’altro, possibilmente collegato al modo in cui funziona la gravità. Tutte le analisi condotte finora indicano fortemente che lo spin sia zero, ma non è ancora possibile escludere interamente la possibilità che invece la particella abbia spin-due.

“Fino a quando non saremo certi dello spin della particella”, ha dichiarato il Direttore delle Ricerche del CERN Sergio Bertolucci, “la particella rimarrà “simile all’Higgs”. Solo quando sapremo che ha spin-zero potremo chiamarla Higgs.”

Anche allora, il lavoro sarà ben lontano dall’essere concluso. Se la nuova particella è l’Higgs, potrebbe essere l’Higgs come predetto negli anni 1960, che completerebbe il Modello Standard delle particelle della fisica, oppure potrebbe essere una particella esotica che ci porta oltre il Modello Standard. La posta in gioco è alta. Il Modello Standard spiega tutta la materia visibile nell’Universo, compresa la materia di cui siamo fatti, ma non dà conto del 96% dell’Universo che è a noi invisibile: l’universo oscuro. La comprensione di che tipo di Higgs sia si basa su attente misure delle interazioni della particella con le altre particelle, e potrebbero volerci parecchi anni prima di arrivare alla soluzione.

 

SOCIALICON
RSS
Facebook
Facebook
Google+
Twitter
YouTube
Instagram
SOCIALICON