Quarantacinque anni fa si concludeva una fase storica della “corsa allo spazio” tra USA e URSS: per la prima volta, degli esseri umani mettevano piede su un corpo celeste diverso dalla Terra. Erano passati solo dodici anni dallo storico lancio dello Sputnik 1, il primo satellite artificiale della storia e, forse più in virtù delle contrapposizioni politiche e militari tra le superpotenze che per vero spirito scientifico, l’esplorazione dello spazio era considerata di primissima importanza. Nel 1959 la sonda sovietica Luna 1 fu la prima ad avvicinarsi al nostro satellite, sette anni dopo Luna 9 fu la prima ad allunare in modo controllato. Il primo tentativo sovietico di lanciare un razzo in grado di portare umani sulla Luna fallì nella primavera del 1969, così gli americani si trovarono da soli, in questa gara. Dopo l’Apollo 11, altri sei equipaggi furono inviati sulla Luna. Tutti (tranne Apollo 13, sulla cui vicenda fecero un famoso film) atterrarono e riportarono indietro importanti campioni di rocce e molte misure che furono fondamentali per imparare a conoscere il nostro satellite. Dal 1972, però, il suolo lunare non è più stato calpestato da nessun essere umano: in questi anni si parla di una missione verso Marte e, forse, di un risveglio di interesse per la Luna da parte di altri paesi, come la Cina, l’India e il Giappone… Il viaggio continua!

45moon

Segnala Scientificast per i #MIA14, i Macchianera Awards. Segui le istruzioni qui.

SOCIALICON
RSS
Facebook
Facebook
Google+
Twitter
YouTube
Instagram
SOCIALICON