La domanda viene da una nostra lettrice: Roberta. Se non avete mai sentito parlare del legame tra cancro e deodoranti, beh ora vi faccio un riassunto, se no cosa ci sto a fare?
Da circa una 15ina di anni periodicamente compare in rete la notizia di un presunto legame tra l’uso di deodoranti a base di alluminio e l’insorgenza di cancro alla mammella. Anche la rivista “Il Salvagente” qualche anno fa pubblicò una classifica dei deodoranti meno “pericolosi”, ovvero quelli con il minor contenuto di alluminio. Ma da dove nasce questa convinzione?

Il sospetto, per altro legittimo, nasce proprio in alcuni ricercatori che avevano notato una cerca insorgenza di cancro al seno proprio nella zona dove tipicamente avviene l’applicazione dei deodoranti. Come spesso accade in scienza, quando si cercano le cause di un fenomeno, vengono formulate varie ipotesi e questa è una delle tante. Negli anni diversi studi sono stati prodotti a volte con risultati contrastanti. In effetti i sali di alluminio sono presenti in moltissimi deodoranti e impediscono, temporaneamente, al sudore di raggiungere la pelle. Il sospetto è che parte di questo alluminio possa essere assorbito dall’organismo e fungere da estrogeno, ormoni a loro volta collegati con la crescita del cancro al seno.

Nel 2002 uno studio ha confrontato 813 donne con cancro al seno e 793 donne senza alla ricerca di correlazioni tra insorgenza della malattia e uso di deodoranti e antitraspiranti. Al termine del progetto non sono stati riscontrati significativi rapporti di causa/effetto.
Tuttavia, l’anno successivo, un altro studio sempre su qualche centinaio di persone, pur non rivelando correlazioni dirette, ha notato che le donne che facevano uso frequente di deodoranti e si radevano spesso le ascelle avevano la possibilità di sviluppare il cancro in età più giovane. Questo studio è stato soggetto a molte critiche principalmente per mancanza di un gruppo di controllo, inoltre negli anni diverse altre analisi sono state eseguite ed è stato verificato che la percentuale di alluminio assorbita è talmente piccola da essere insignificante. Bisogna infatti considerare che l’alluminio è uno degli elementi più diffusi sulla Terra e ne ingeriamo grandi quantità anche solo con la nostra dieta.
Come se non bastasse l’analisi dei tessuti tumorali non ha portato a rilevare particolari concentrazioni di alluminio rispetto ai tessuti sani.

La correlazione ipotizzata tra alluminio e insorgenza del cancro al seno è quindi decisamente azzardata e, ad oggi, non ha trovato conferme nonostante siano stati condotti diversi studi.
La notizia che i deodoranti causano il cancro però ha trovato comunque ampio spazio in rete e sui social network. Ovviamente ognuno è libero di fidarsi della fonte che ritiene più attendibile, tuttavia io preferirei fidarmi di fonti scientifiche come l’American Cancer Society:
“There are no strong epidemiologic studies in the medical literature that link breast cancer risk and antiperspirant use, and very little scientific evidence to support this claim.
Non ci sono significativi studi epidemiologici nella letteratura medica che colleghino il rischio di cancro all’uso di antitraspiranti, inoltre esistono deboli evidenze scientifiche che supportino questa affermazione”

 

Immagine di Copertina: Shutterstock

—–

Scientificast è stato nominato come MIGLIOR PODCAST e MIGLIOR SITO TECNICO-DIVULGATIVO ai #MIA14. Votateci! Ci vediamo il 13 Settembre alla Festa della Rete, votateci!!!