La depressione, un parassita invisibile
Lug24

La depressione, un parassita invisibile

A grief without a pang, void, dark, and drear, A stifled, drowsy, unimpassioned grief, Which finds no natural outlet, no relief, In word, or sigh, or tear. Un dolore senza fitta, vuoto, oscuro e tetro, Un dolore soffocato, torpido, distaccato, Che non trova alcuno sfogo naturale, alcun sollievo In parole, sospiri o lacrime. (S.T. Coleridge – Dejection: An Ode, 1802) Lo scorso 20 luglio si è tolto la vita il cantante dei Linkin Park,...

Read More
Non solo parolacce – la sindrome di Tourette
Giu22

Non solo parolacce – la sindrome di Tourette

Jessica Thom è una ragazza di 36 anni sveglia, dotata di senso dell’umorismo e autoironia. Ha un eloquio molto chiaro e logico, con un piccolo problema: pronuncia la parola “biscuit” mediamente ogni tre-quattro secondi, insieme ad altre espressioni fuori contesto come “hedgehog”, “Aladdin” e “cat sexy pyjamas” che ricorrono meno frequentemente. Jessica non può fare a meno di pronunciare queste parole; spesso, mentre lo fa, si batte il...

Read More
Una mente bella, una mente divisa: John Nash
Mag23

Una mente bella, una mente divisa: John Nash

In questo giorno, due anni fa, una delle menti più straordinarie della storia della matematica perdeva la vita in un incidente stradale nel New Jersey, al ritorno da un viaggio in Norvegia dove gli era stato conferito il prestigioso Abel Prize per i suoi “contributi eccezionali alla teoria delle equazioni differenziali parziali non lineari e alle sue applicazioni all’analisi geometrica”. Si trattava dell’ottantaseienne John Forbes...

Read More
Senza paura
Apr21

Senza paura

S.M. vive in un quartiere pericoloso. Il rustico dello Iowa dove abita si trova in una zona molto povera dove i tassi di criminalità e tossicodipendenza sono particolarmente alte. Nei suoi 51 anni ha affrontato episodi traumatici e difficoltà che avrebbero messo in ginocchio la maggior parte di noi. Una sera, passando attraverso un parco, un balordo su una panchina le puntò un coltello alla gola, ma la lasciò andare quando vide che la...

Read More
Il paziente H.M.
Mar22

Il paziente H.M.

Leonard Shelby è un investigatore assicurativo di San Francisco. Durante un’effrazione notturna, sua moglie è stata stuprata e lui è stato colpito alla testa. Da quel momento, ricorda tutto fino all’incidente, ma è incapace di formare nuovi ricordi. Se una conversazione dura troppo a lungo, si dimentica di come è cominciata. Se non prende nota di chi sono i suoi interlocutori, non sa più chi sono quando li incontra di nuovo; e via...

Read More